Sanzioni etichette (Reg. 1169/2011): pubblicato decreto legislativo 231 del 15 dicembre 2017

Il decreto legislativo n. 231 del 15 dicembre 2017 che disciplina le sanzioni per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011 (sanzioni etichette) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 08/02/2018. Il decreto entra in vigore il 09/05/2018.

Per un approfondimento generale si consiglia questa lettura.

Per un approfondimento sulle responsabilità della GDO si consiglia questo articolo.

A titolo informativo il decreto legislativo si articola in 4 titoli, per un complessivo di 31 articoli.

Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori e l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del medesimo regolamento (UE) n. 1169/2011 e della direttiva 2011/91/UE, ai sensi dell’articolo 5 della legge 12 agosto 2016, n. 170 «Legge di delegazione europea 2015».

Titolo I – Principi Generali

Art. 1 – Campo di applicazione
Art. 2 – Definizioni

Titolo II – Disposizioni sanzionatorie per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento [Reg. (UE) 1169/2011, ndMF]

Capo I – Violazione delle disposizioni generali in materia di informazioni sugli alimenti

Art. 3 – Violazione delle pratiche leali di informazione di cui all’articolo 7 del regolamento
Art. 4 – Violazione degli obblighi informativi da parte degli operatori del settore alimentare di cui all’articolo 8 del regolamento

Capo II – Violazione delle disposizioni relative alle informazioni obbligatorie sugli alimenti preimballati e delle relative modalità di espressione

Art. 5 – Violazione degli obblighi relativi all’apposizione delle indicazioni obbligatorie di cui all’articolo 9, paragrafo 1, all’articolo 10, paragrafo 1, e all’allegato III del regolamento
Art. 6 – Violazione degli obblighi relativi alle modalità di espressione, posizionamento e presentazione delle indicazioni obbligatorie di
cui all’articolo 9, paragrafi 2 e 3, e agli articoli 12 e 13 e all’allegato IV del regolamento
Art. 7 – Violazione delle disposizioni relative alla vendita a distanza di cui all’articolo 14 del regolamento

Capo III – Violazione delle disposizioni specifiche sulle indicazioni obbligatorie

Art. 8 – Violazioni in materia di denominazione dell’alimento di cui all’articolo 17, all’articolo 18, paragrafo 2, e all’allegato VI del regolamento
Art. 9 – Violazioni in materia di elenco degli ingredienti di cui all’articolo 18, paragrafi 1 e 3, ed all’allegato VII del regolamento
Art. 10 – Violazioni in materia di requisiti nell’indicazione degli allergeni
di cui all’articolo 21 e all’allegato II del regolamentO
Art. 11 – Violazioni in materia di indicazione quantitativa degli ingredienti, di cui all’articolo 22 e all’allegato VIII del regolamento e in materia di indicazione della quantità netta, di cui all’articolo 23 e all’allegato IX del regolamento
Art. 12 – Violazioni in materia di termine minimo di conservazione, data di  scadenza e data di congelamento di cui all’articolo 24 e all’allegato X del regolamento
Art. 13 – Violazioni in materia di indicazione del paese di origine o luogo di provenienza di cui all’articolo 26, e relativi atti di esecuzione, ed all’allegato XI del regolamento
Art. 14 – Violazioni in materia di titolo alcolometrico di cui all’articolo 28 ed all’allegato XII del regolamento
Art. 15 – Violazioni in materia di dichiarazioni nutrizionali di cui agli articoli da 30 a 35 ed agli allegati XIII, XIV e XV del regolamento
Art. 16 – Violazioni in materia di informazioni volontarie di cui all’articolo 36 del regolamento

Titolo III – Adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) n. 1169/2011 e relative sanzioni

Capo I – Adeguamento della normativa nazionale

Art. 17 – Diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare ai sensi della direttiva n. 2011/91/UE del 13 dicembre 2011
Art. 18 – Distributori automatici
Art. 19 – Vendita di prodotti non preimballati
Art. 20 – Prodotti non destinati al consumatore

Capo II – Violazioni delle disposizioni nazionali

Art. 21 – Violazioni in materia di diciture o marche che consentono di identificare la partita alla quale appartiene una derrata alimentare di cui all’articolo 17 del presente decreto
Art. 22 – Violazioni in materia di indicazione obbligatorie nella distribuzione
di alimenti non preimballati attraverso distributori automatici di cui all’articolo 18 del presente decreto
Art. 23 – Violazioni in materia di indicazioni obbligatorie per la vendita dei prodotti non preimballati di cui all’articolo 19 del presente decreto
Art. 24 – Violazioni in materia di indicazioni obbligatorie per i prodotti non destinati al consumatore finale ed alle collettività di cui all’articolo 20 del presente decreto

Titolo IV – Disposizioni finali

Art. 25 – Clausola di mutuo riconoscimento
Art. 26 – Autorità competenti all’irrogazione delle sanzioni
Art. 27 – Procedure per le irrogazioni delle sanzioni
Art. 28 – Disposizioni transitorie
Art. 29 – Clausola di invarianza finanziaria
Art. 30 – Abrogazioni
Art. 31 – Entrata in vigore

Il testo integrale del decreto è disponibile sulla Gazzetta Ufficiale (cliccare qui).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *