Pubblicata la nuova ISO 22000:2018

La ISO (International Organization for Standardization) ha pubblicato la nuova ISO 22000:2018 “Sistemi di gestione per la sicurezza alimentare –  Requisiti per qualsiasi organizzazione nella filiera alimentare”. 

La ISO 22000:2018 adotta la struttura di alto livello (HLS) già adottata da altri standard ISO quali la ISO 9001 e la ISO 14001, rendendo più semplice l’integrazione. Alcune novità della nuova revisione sono collegate alla struttura di alto livello mentre altre sono specifiche per il sistema di gestione della sicurezza alimentare e l’attuale scenario del settore alimentare.

Principali novità dovute all’adozione della struttura di alto livello

  • Contesto aziendale e parti interessate: il punto 4.1, questioni interne ed esterne, introduce nuove clausole per la determinazione sistematica e il monitoraggio del contesto aziendale; il punto 4.2, esigenze e aspettative delle parti interessate, introduce richieste per identificare e comprendere i fattori che possono (potenzialmente) influenzare la capacità del sistema di gestione di raggiungere i risultati attesi.
  • Maggiore enfasi sulla leadership e sull’impegno della direzione: il punto 5.1 ora include nuove richieste di coinvolgimento attivo e assunzione di responsabilità per l’efficacia del sistema di gestione.
  • Gestione del rischio: il punto 6.1 ora richiede alle aziende di determinare, prendere in considerazione e, ove necessario, intraprendere azioni per affrontare qualsiasi rischio che possa influire (positivamente o negativamente) sulla capacità del sistema di gestione di fornire i risultati previsti.
  • Maggiore attenzione agli obiettivi come fattori di miglioramento: questi cambiamenti si possono trovare ai punto 6.2 e 9.1.
  • Estensione dei requisiti relativi alle comunicazioni: il punto 7.4 è ora più prescrittivo rispetto alla “meccanica” della comunicazione, compresa la determinazione di cosa, quando e come comunicare.
  • Requisiti meno severi per un manuale di sicurezza alimentare: il requisito esplicito di avere una procedura documentata è stato rimosso.

Principali novità specifiche per la ISO 22000 e la gestione della sicurezza alimentare

  • Chiarimento del ciclo Plan-Do-Check-Act, avendo due cicli separati nello standard che lavorano insieme: uno copre il sistema di gestione e l’altro copre i principi dell’HACCP.
  • Il campo di applicazione include ora specificamente gli alimenti per animali: con ‘alimenti per animali’ si intende nutrimento per animali che non producono alimenti destinati al consumo umano. Il mangime è destinato all’alimentazione di animali destinati alla produzione di alimenti.
  • Cambiamenti nelle definizioni: “danno” è sostituito da “effetto negativo sulla salute” per garantire coerenza con la definizione di rischio per la sicurezza alimentare. L’uso di ”assicurazione” evidenzia la relazione tra il consumatore e il prodotto alimentare, basata sulla sicurezza alimentare.
  • Comunicazione della politica di sicurezza alimentare : viene richiesto esplicitamente al management di facilitare la comprensione delle politiche di sicurezza alimentare da parte dei dipendenti.
  • Obiettivi del sistema di gestione della sicurezza alimentare: la definizione degli obiettivi per il sistema di gestione della sicurezza alimentare è ulteriormente specificata e comprende elementi come ad es. ‘Coerente con i requisiti del cliente’, ‘monitorato’ e ‘verificato’.
  • Controllo di processi, prodotti o servizi forniti dall’esterno: viene introdotta la necessità di controllare i fornitori di prodotti, processi e servizi (inclusi i processi in outsourcing) e di garantire un’adeguata comunicazione dei requisiti pertinenti, per soddisfare i requisiti del sistema di gestione della sicurezza alimentare.

Le aziende certificate secondo l’edizione 2005 dovranno transitare alla nuova versione 2018 entro il 19 giugno 2021.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al sito ISO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *