Sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana del 27 dicembre 2018 è stato pubblicato il Decreto 20226 che introduce novità per la formazione obbligatoria degli alimentaristi.

Il legislatore ha considerato che i percorsi di formazione obbligatoria per alimentaristi approvati con il Decreto Dirigenziale n. 4768 del 2 settembre 2005 non risultavano più allineati con la normativa in materia di igiene degli alimenti.

Si pensi infatti, a titolo di esempio, ad alcuni dei regolamenti che sono stati pubblicati negli ultimi 13 anni:

  • 1924/2006, che stabilisce le regole per l’utilizzo delle indicazioni nutrizionali e di salute (claims) che possono essere proposte sulle etichette degli alimenti e/o con la pubblicità;
  • 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori (etichette);
  • 609/2013, relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini nella prima infanzia ed agli alimenti a fini medici speciali;
  • 828/2014, che prescrive le caratteristiche dei prodotti alimentari senza glutine destinati ai soggetti celiaci e pone le condizioni per poter fornire informazioni sull’assenza o sulla ridotta presenza di glutine negli alimenti.

Il Decreto ha pertanto aggiornato gli argomenti dei percorsi di formazione obbligatoria, inserendo nuovi argomenti quali: “Nozioni di base sulle allergie / intolleranze alimentari e sugli allergeni alimentari. Ricadute sulla salute“, “Normativa in tema di etichettatura. Le buone pratiche da seguire, durante le diverse fasi del ciclo produttivo per la prevenzione della contaminazione da allergeni, con particolare attenzione alla contaminazione da glutine” e “Modalità di controllo del rischio allergeni con focus sul rischio glutine”.

Il Decreto stabilisce che a far data dalla pubblicazione sul BURT deve essere presentata una nuova domanda di riconoscimento dei percorsi di formazione obbligatoria per alimentaristi secondo le schede descrittive allegate al presente atto nei seguenti casi:
a) per i percorsi di formazione non ancora riconosciuti per i quali sia stata presentata domanda di riconoscimento sulla base delle schede descrittive approvate con Decreto Dirigenziale n. 4768 del 2 settembre 2005;
b) per i percorsi di formazione riconosciuti sulla base delle schede descrittive approvate con Decreto Dirigenziale n. 4768 del 2 settembre 2005 sopra citato non ancora attivati.

I corsi di formazione avviati ma non conclusi alla data di pubblicazione del decreto (27 dicembre 2018) continuano a svolgersi secondo le disposizioni previgenti.

Il testo del Decreto è disponibile al download qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *