BRC 8: la gestione delle segnalazioni interne in forma riservata (“whistleblowing”)

L’edizione 8 del BRC Standard Globale per la Sicurezza Alimentare che entra in vigore il 01 febbraio 2019 introduce l’obbligo di adottare un sistema di segnalazione in forma riservata per consentire al proprio personale di riferire potenziali violazioni della sicurezza, dell’integrità, della qualità e della conformità legislativa dei prodotti, in inglese anche “whistleblowing”.

L’azienda deve adottare un sistema di segnalazione in forma riservata per consentire al personale di riferire potenziali violazioni della sicurezza, dell’integrità, della qualità e della conformità legislativa dei prodotti. Le modalità di segnalazione di dubbi su eventuali violazioni (per esempio il numero a cui segnalarli) devono essere comunicate chiaramente al personale. La direzione del sito dovrà dotarsi di una procedura per la valutazione delle segnalazioni del personale. Le valutazioni e, ove necessario, le azioni correttive intraprese dovranno essere adeguatamente documentate.

BRC GSFS, edizione 8, requisito 1.1.6 – versione italiana

È stato valutato dal proprietario dello schema che può esserci il momento, per il personale dell’azienda, di voler riferire in maniera anonima e confidenziale di pericoli o infrazioni che possano essere ritenute di pregiudizio al prodotto e/o all’azienda in generale. Pertanto ogni sito produttivo certificato dovrà dotarsi di un sistema per la gestione di queste segnalazioni anonime.

Il sistema adottato (in pratica la procedura che l’azienda o il consulente dovrà predisporre) è chiamato ad assicurare che la confidenzialità della segnalazione sia mantenuta, cioè che il nominativo di chi ha “spifferato” non sia diffuso al di fuori del gruppo di lavoro (o del singolo) che l’azienda avrà incaricato per la gestione di queste segnalazioni.

Per semplificarci la vita, viene suggerito che si potrebbe considerare di implementare un sistema indipendente anche attraverso il coinvolgimento di un consulente esterno o altra organizzazione professionale che agiscano come intermediari …

Indipendentemente dai suggerimenti, non resta che attenerci alla lettera del requisito (meglio se facendo riferimento al testo della versione in inglese, visti gli innumerevoli errori di traduzione presenti nello standard in lingua italiana) e provare ad immaginare una maniera sensata di dare applicazione a questo nuovo requisito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *