Qualità dell’olio extra vergine di oliva: come influiscono le condizioni di stoccaggio

Olive

La qualità dell’olio extra vergine di oliva è influenzata dalle condizioni di stoccaggio: la temperatura può essere troppo alta e/o il prodotto viene esposto a luce ed ossigeno.

Il prodotto, una volta imbottigliato, attraversa inoltre molti passaggi, ognuno dei quali può contribuire in maniera negativa: magazzini interni, magazzini esterni (piattaforme logistiche), vendita al dettaglio e consumatori; per i prodotti esportati si aggiungono inoltre ulteriori passaggi.

Un interessante studio australiano si è posto l’obiettivo di determinare l’effetto delle condizioni di stoccaggio sulla qualità dell’olio.

Il documento misura i cambiamenti che avvengono nell’olio extra vergine di oliva quando conservato a temperature diverse, esposto alla luce o tenuto al buio, esposto o meno all’ossigeno. Il periodo analizzato copre tre anni. Sono stati monitorati sia i parametri chimici indice di ossidazione ed invecchiamento che le caratteristiche sensoriali.

Nasce il portale ISSalute: la scienza al servizio della collettività

iss salute

Il progetto ISSalute nasce per mettere a disposizione dei cittadini con un linguaggio semplice e comprensibile a tutti, indipendentemente dal grado di istruzione e competenza nelle materie tecnico-scientifiche, informazioni aggiornate, indipendenti e certificate sugli stili di vita, sull’alimentazione, sull’ambiente, sulle malattie e sui disturbi che provocano, sulle cause che le determinano e sulle cure disponibili.

Leggi tutto “Nasce il portale ISSalute: la scienza al servizio della collettività”

Cosa c’è di sbagliato in quello che mangiamo

In questa piacevole conversazione (sottotitoli in italiano disponibili) Mark Bittman, giornalista che scrive di cibo e cucina sul New York Times, ci racconta cosa c’è di sbagliato in ciò che mangiamo (troppa carne, pochi vegetali, troppo fast food, pochi alimenti preparati in casa) e perché questo sta mettendo a rischio l’intero pianeta.