Non è olio extra vergine di oliva italiano a meno di 7-8€ al litro

[da Teatro Naturale] Il crollo della produzione di olio extra vergine di oliva, nella regione più olivetata d’Italia (la Puglia), potrebbe raggiungere il 65%. Il neo presidente di Coldiretti Puglia, Muraglia: “Siamo preoccupati che la diminuzione di olio extra vergine faccia crescere le importazioni di olio dall’estero”. 

Qui l’articolo integrale di Teatro Naturale.

Batteri resistenti: le verdure crude e l’insalata sono a rischio?

Le verdure crude e l’insalata sono popolari tra le persone che vogliono mantenere una dieta equilibrata e sana. Le varietà di insalate vengono spesso vendute confezionate e imballate in pellicola. È noto che questi tipi di prodotti freschi possono essere contaminati da batteri rilevanti dal punto di vista dell’igiene.

Leggi tutto “Batteri resistenti: le verdure crude e l’insalata sono a rischio?”

Frode alimentare: linea guida IFS ora in italiano

IFS ha reso disponibile in italiano la linea guida sulla frode alimentare pubblicata in inglese a maggio 2018 (qui l’articolo che ne parla).  La linea guida fornisce un riferimento per l’applicazione del requisito sulla frode alimentare (per IFS Food 6.1 il punto 4.21).

La frode sui prodotti alimentari comprende una vasta gamma di atti fraudolenti volontari relativi ad alimenti e relativi imballaggi, tutti economicamente motivati e con gravi conseguenze per i consumatori e le imprese.

Il download della linea guida in italiano è disponibile qui.

Le regole d’oro per friggere le patate

Friggere le patate minimizzando il rischio di acrilammide. Un video per capire.

Per ulteriori approfondimenti segnalo i miei seguenti articoli:
Acrilammide, linea guida per la ristorazione
L’acrilammide negli alimenti: infografica dell’EFSA
– Acrilammide: livelli di riferimento e misure di attenuazione nel Regolamento (UE) 2158/2017

Cosa sono gli additivi alimentari?

Gli additivi alimentari di solito non hanno valore nutrizionale, ma vengono aggiunti agli alimenti per garantirne la sicurezza o per svolgere una funzione specifica, come prolungare la durata di conservazione, ritardare il deterioramento della qualità o migliorare la consistenza. Questo video (in inglese ma con sottotitoli in italiano, fornisce ulteriori informazioni).

Listeria monocytogenes: focolaio legato al consumo di salmone affumicato

Salmone affumicato a freddo e salmone marinato, sono la probabile fonte di un focolaio epidemico di Listeria monocytogenes che ha interessato Danimarca, Germania e Francia dal 2015 in poi. 

Fino all’8 ottobre 2018 nei Paesi interessati sono stati segnalati 12 casi, quattro dei quali mortali.

Nell’agosto 2017 la Danimarca riferisce il primo gruppo di casi connessi all’ingestione di salmone affumicato pronto al consumo prodotto in Polonia. Vengono messe in atto misure di controllo e informati altri Stati membri e autorità competenti nell’UE.

Nell’ottobre 2017 la Francia segnala il rilevamento dello stesso ceppo di Listeria in partite di salmone marinato provenienti dalla medesima azienda polacca di trasformazione, come accaduto nelle indagini sul focolaio epidemico danese.

In Germania il caso più recente legato al focolaio viene notificato nel maggio 2018.

A causa della mancanza di dati sul sequenziamento dell’intero genoma da campioni ambientali e alimentari prelevati nell’impianto di trasformazione polacco, non è possibile confermare, allo stato attuale, se la contaminazione si sia verificata nell’impianto sospetto. Inoltre, fino a quando dati sui produttori primari norvegesi del salmone utilizzato nei lotti contaminati non saranno trasmessi e valutati, non si potrà escludere la possibilità di contaminazione a livello della produzione primaria.

L’individuazione dello stesso ceppo di Listeria in un prodotto del salmone in Francia e un nuovo caso su uomo in Germania suggeriscono che la fonte della contaminazione possa essere ancora attiva e che i prodotti contaminati siano stati distribuiti ad altri Paesi dell’UE oltre alla Danimarca. Donne in gravidanza, anziani e soggetti immunodepressi corrono un rischio maggiore di contrarre la listeriosi.

Per maggiori approfondimenti qui il report dell’EFSA.

Draft Guidance for Industry: Guide to Minimize Food Safety Hazards of Fresh-cut Produce

Processors of fresh-cut produce, such as bagged salad mixes and fruit salad, face new regulations under FDA’s Preventive Controls for Human Food rule. FDA issued a draft guidance document to explain the agency’s current thinking on how they may meet these new requirements.

EFSA spiega la Listeria

Listeria è una famiglia di batteri che comprende dieci specie. Una di queste, la Listeria monocytogenes, causa la “listeriosi”; si tratta di una malattia spesso grave, anche se rara, con elevati tassi di ricovero ospedaliero e mortalità.
A differenza di molti altri batteri di origine alimentare, Listeria sopravvive in ambienti salini e a basse temperature (anche 2-4 °C, quindi in frigorifero).

Listeria è presente nel terreno, nelle piante e nelle acque. Anche gli animali, tra cui bovini, ovini e caprini, possono essere portatori del batterio. La listeriosi si contrae in genere con l’ingestione di alimenti contaminati.
Gli alimenti pronti al consumo come pesce affumicato, affettati e formaggi molli, sono spesso all’origine delle infezioni da Listeria, poiché la lunga durata di conservazione favorisce la proliferazione batterica. Si tratta di un fattore importante, perché questi alimenti sono di solito consumati senza ulteriore cottura.

Qui è possibile scaricare il documento elaborato dall’EFSA (in italiano).